(Italiano) 14 luglio 2019 – Il Percorso delle 52 Gallerie Del Pasubio

0

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Programma uscita
IL PERCORSO DELLE 52 GALLERIE SUL PASUBIO

14 luglio 2019


 

Partenza pullman da Fondo ore 6:00
fermata a Revò, (Cassa Rurale) ore 6:20
fermata a Cles, (Piazza Fiera) ore 6:30
fermata a Mollaro (La Parra) ore 6:45
fermata a S. Michele a/Adige, (rotatoria autostrada) ore 7.00
fermata a Trento (piazzale Zuffo) ore 7.15

Verso le ore 8.45 arriveremo al Pian delle Fugazze e poi fino alla loc. Ponte Verde dove ci attenderà un pullmino di medie dimensioni che ci porterà a Passo Sommo. Da lì ci incammineremo per un tratto di circa 2 km  fino a Bocca di Campiglia (punto di partenza del percorso). In base a quanti partecipanti ci saranno, questo trasferimento potrà essere fatto in 2 viaggi.
Da  Bocca di Campiglia (1216 msm) saliremo seguendo il sentiero CAI 366 percorrendo appunto la “strada delle 52 gallerie” fino a raggiungere la quota massima 1928 metri di Porte del Pasubio dove è situato il rifugio Achille Papa. Il percorso è circa 6,5 km di cui 2,3 in galleria e il tempo di percorrenza ore 3,00/3,30. Pausa pranzo al sacco.
Ritorneremo percorrendo la strada degli eroi fino alla galleria Generale D’Havet, subito dopo sulla destra si può prendere il sentiero 179 che taglia parecchi tornanti della strada e accorcia il percorso, altrimenti si può percorre comodamente la strada e si arriva sempre al passo Pian delle Fugazze  (1162 msm) dove ci attende l’autobus. Tempo di percorrenza in discesa ore 2,00/2,30 e lunghezza circa 7/8 km.
Portarsi un frontalino o torcia per l’interno delle gallerie, scarpe adatte per camminare su terreno roccioso e umido, il caschetto è facoltativo potrebbe servire alle  persone un po’ alte di statura  per non urtare le rocce della volta superiore, rifornirsi di acqua perchè fino al rifugio non esiste  una sorgente. Prestare molta attenzione quando si cammina in salita e non distrarsi perche una volta la strada era larga circa m 2,50 ora è un sentiero/mulattiera roccioso e umido e su un lato si erigono le pareti rocciose e dall’altra parte ci sono dei precipizi profondi anche centinaia di metri.
La lunghezza delle gallerie varia, dai 2 metri alla più lunga la 19^ di 320 metri, la galleria n° 20 è a spirale in un torrione roccioso, la 48^ galleria è la più alta in quota, non esiste nessun parapetto o cordino per tenersi con le mani in sicurezza. La strada degli eroi è una strada (militare) comoda di facile percorribilità, possono transitare mezzi motorizzati adatti alla montagna.

CENNI STORICI:
Il Pasubio è un montagna teatro di cruenti battaglie durante la 1°guerra mondiale.
La strada delle 52 gallerie o anche della 1^ Armata è stata costruita per essere al sicuro dall’avvistamento e tiro nemico Austroungarico per raggiungere il rifugio Papa una volta caserma militare con i rifornimenti. Il progetto della strada, allora larga 2,50 metri, è del tenente Giuseppe Zappa su incarico del comando della 1^ Armata, sono stati impiegati 600 uomini della 33^ compagnia minatori del 5° reggimento Genio. Costruita dal marzo 1917, quando fu eretto il 1° portale, al dicembre 1917; erano tutte illuminate con linea elettrica  e servite da una tubatura per aria compressa, erano fornite di protezioni, parapetti e paracarri lungo tutto il percorso.
Dopo diversi anni del termine della guerra sul portale di ogni galleria è stato messo un numero e un nominativo a cui era dedicata la galleria stessa.
Sopra il rifugio Papa esiste la Zona Sacra raggiungibile percorrendo il sentiero o strada tricolore con la cima Palon (m. 2232) il dente Italiano, il dente Austriaco, la caserma sulla anticima del Palon, le 7 croci, la chiesetta presso la sella del comando, il  cimitero con arco Romano edificato tra le 2 guerre con scritto “di qui non si passa”. Chiamata anche guerra di mina perché sotto le postazioni venivano scavati dei tunnel e riempiti di esplosivo e fatti saltare, ad esempio  il dente italiano è stato fatto saltare dai soldati austroungarici scavandovi sotto un tunnel riempito con 50.000 kg di esplosivo.
Se vi sarà tempo, alla fine dell’escursione si potrà fare una visita all’ossario del Pasubio,  poco distante dal passo, dedicato alle migliaia di morti della zona del Pasubio.
L’uscita è in montagna per cui si richiede abbigliamento adeguato e scarpe adatte per camminare su terreno roccioso e umido, il caschetto è facoltativo,

Ringraziamo Carlo per le dettagliate informazioni sul percorso dell’uscita.

  • Percorso impegnativo con pranzo al sacco;
  • Si raccomanda abbigliamento per escursioni in montagna e per le condizioni meteo previste come descritto in precedenza.
  • Quota di partecipazione presumibile (pullman+pullmino+assicurazione): 20,00 €
  • Le uscite sono riservate ai soli soci. Ci si può tesserare durante l’uscita. 
Per iscrizioni inviare mail a

prenotazioni@santiagoanaunia.it

entro mercoledì 10 luglio 2019

solo per chi è realmente impossibilitato ad inviare mail, telefonare a Paolo cell. 339 1860601

N.B.: le disdette effettuate entro mercoledì 10 luglio sono a costo zero.
Per le disdette comunicate da giovedì 11 luglio si versa la quota intera.

clicca qui per scaricare il programma

 

Comments are closed.